Non piace la licenza per sviluppatori iPhone

La EFF, Electronic Frontier Foundation, ha reso pubblica la licenza che chi vuole sviluppare applicazioni per iPhone deve accettare.
Interessanti sono alcuni punti fondamentali che, a mio avviso, rendono impossibile accettare questa licenza.
Per prima cosa non è possibile rendere pubblica tale licenza (la EFF l’ha ottenuta e pubblicata attraverso altre vie), Apple si riserva in ogni momento di cancellare qualsiasi applicazione dal proprio store senza preavviso e senza alcun motivo e inoltre non è possibile creare alcun tipo di applicazione o programma che sia in grado di modificare in alcun modo le soluzioni di sicurezza, firme digitali, DRM o meccanismi di verifica o autenticazione implementati nei sistemi operativi del iPhone e gli altri dispositivi Apple.
Se fossi uno sviluppatore che volesse cimentarsi nella creazione e distribuzione di software per device mobili come gli smartphone ci penserei un centiaio di volte prima di accettare condizioni del genere e forse valuterei prima altre piattaforme. Insomma Apple non solo impone EULA anacronistiche ai propri utenti ma fa ancora peggio con gli sviluppatori che dovrebbero e potrebbero aumentare il proprio bacino di utenti.
Se volete leggervi tutta la licenza vi rimando al link di EFF: http://www.eff.org/deeplinks/2010/03/iphone-developer-program-license-agreement-all.
Segnalo inoltre che dopo la doppia accusa tra Nokia ed Apple per violazione d’uso di brevetti ora la mela ha deciso di attaccare HTC sempre per un problema di brevetti: http://techcrunch.com/2010/03/02/apple-goes-after-htc-in-lawsuit-over-20-iphone-patents/.


This entry was posted on Friday, March 12th, 2010 at 7:00 PM and is filed under apple.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.